Associazione Amici Del Mario Negri

Lo chef Carlo Cracco all'Istituto Mario Negri

 

 

Ha fama di essere burbero, severo, a volte fin troppo Carlo Cracco, ma, all'Istituto Mario Negri la sera del 27 febbraio, lontano dalle telecamere, ha rivelato la sua vera natura: disponibile, gentile, generoso.
Ci ha raccontato le sue prime esperienze, i molti sacrifici, le quotidiane difficolta' con grande semplicita' ed e' piaciuto a tutti, tanto. Il messaggio che ha voluto far pervenire soprattutto ai giovani e' stato chiaro e importante: per riuscire a coronare un sogno ci vuole umilta', sacrificio, determinazione e questo e' ancora piu' vero in un periodo difficile come quello che stiamo attraversando.

 

Cio' che sapevamo gia' di Carlo Cracco e' stato invece largamente confermato: e' un grande Chef! La cena ideata e preparata da lui restera' memorabile:

- Canestrelli di mare con germogli di coriandolo e spuma di lime
- turlo d'uovo marinato con verdure in carpione all'aceto di riso
- Risotto "Carnaroli" con asparagi freschi di Altaledo e Paprika dolce
- Filetto alla "Rossini", con salsa al Marsala e spinaci freschi

Il tutto squisitamente raffinato ma semplice e degno dei palati piu esigenti della tradizione culinaria.
Le 250 persone presenti gli hanno riservato infatti un'accoglienza calorosa, alla fine della serata l'entusiasmo era palpabile e lui, il grande Chef, si e' concesso con molta gentilezza alle tantissime richieste di foto e dediche, un lavoro nel lavoro!
"Grazie Chef per la sua generosita', per aver accettato senza farsi pregare la richiesta di regalarci una sera delle sua laboriosa vita e di...aver proposto di ripetere l'impresa! (eravamo al settimo cielo!). Allora arrivederci all'anno prossimo!




 

Il grande successo di questa serata e' stato anche merito di tutti quelli che hanno intensamente lavorato alla sua realizzazione: le volontarie dell'Associazione Amici del Mario Negri, che hanno accompagnato passo passo la manifestazione, prima, durante e dopo; i volontari dell'Istituto che si sono prodigati per una migliore accoglienza degli ospiti; la squadra dei tecnici del Mario Negri che come sempre ha dato manforte all'organizzazione della serata; i musicisti che ci hanno allietato con la loro musica; il donatore del meraviglioso Bordeaux che ha accompagnato la cena e anche soprattutto la irrinunciabile squadra della mensa che dopo un primo momeno di sgomento (lavorare con un grande Chef non e' di tutti i giorni) ce l'ha messa tutta con grande entusiasmo per aiutare e coadiuvare gli assistenti dello Chef e il team di Elior, questi ultimi autori del dessert, "un'idea di Sacher" che ha deliziato tutti gli ospiti.

 

Elior, il grande deus ex macchina della serata: senza Elior, senza il suo generoso Presidente Lino Volpe, senza la sua partecipazione attiva alla vita del mario Negri e la sua sensibilita' ai problemi della ricerca non avremmo di certo potuto realizzare questa magnifica serata.

Un arrivederci a meta' maggio

Joomla Templates by Joomla51.com